Una lettera di Realino sulla fascinazione