Conservazione e museografia: un accordo antinomico