Al cuore delle relazioni: la bambina