“Imitazioni” e “dialoghi” come «amministrazione del linguaggio»?