L’immagine irraffigurabile della Scienza Sacro-Santa