La figura eclettica di Boris Vian viene rievocata in un libro dedicato agli ingegneri che furono anche scrittori (Dostoevskij, Gadda, Musil, Zamjatin) o musicisti (Xenakis). Vian, di professione ingegnere meccanico, fu scrittore prolifico impegnato in una varietà di generi letterari, drammaturgici, saggistici, oltre che promotore del fumetto e del giallo, della fantascienza e del cinema popolare come forme d’arte a pieno titolo; e fu cornettista jazz, autore di canzoni, operatore culturale a tutto tondo nel campo musicale. Il saggio riconduce interpretativamente le forme del suo eclettismo all’adesione al movimento patafisico, fondato da Alfred Jarry e animato, con Vian, da Raymond Queneau: movimento che si appellava a una “scienza delle soluzioni immaginarie” e che ammetteva quale unica ideologia quella del paradosso. Tale adesione rispecchiava perfettamente la tendenza dell’ingegnere Vian a progettare le sue creature - dalle opere d’arte ai mobili di casa - come macchine inesorabilmente proiettate verso un’ideale quarta dimensione, incuranti delle relazioni di causa ed effetto, irrisorie di ogni consequenzialità.

Boris Vian, l’ingegnere patafisico

SALVATORE, Gianfranco
2012-01-01

Abstract

La figura eclettica di Boris Vian viene rievocata in un libro dedicato agli ingegneri che furono anche scrittori (Dostoevskij, Gadda, Musil, Zamjatin) o musicisti (Xenakis). Vian, di professione ingegnere meccanico, fu scrittore prolifico impegnato in una varietà di generi letterari, drammaturgici, saggistici, oltre che promotore del fumetto e del giallo, della fantascienza e del cinema popolare come forme d’arte a pieno titolo; e fu cornettista jazz, autore di canzoni, operatore culturale a tutto tondo nel campo musicale. Il saggio riconduce interpretativamente le forme del suo eclettismo all’adesione al movimento patafisico, fondato da Alfred Jarry e animato, con Vian, da Raymond Queneau: movimento che si appellava a una “scienza delle soluzioni immaginarie” e che ammetteva quale unica ideologia quella del paradosso. Tale adesione rispecchiava perfettamente la tendenza dell’ingegnere Vian a progettare le sue creature - dalle opere d’arte ai mobili di casa - come macchine inesorabilmente proiettate verso un’ideale quarta dimensione, incuranti delle relazioni di causa ed effetto, irrisorie di ogni consequenzialità.
9788849834703
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11587/369248
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact