Lo stile di Charlie Parker, il musicista afroamericano fondatore del jazz moderno, viene interpretato in una dimensione antropologica e storico-culturale nella quale intuizioni estetiche, scelte musicali e stilistiche, spunti compositivi e improvvisativi, esperimenti e innovazioni formali risultano collegabili all’utopia del volo umano, quale si riscontra in complessi mitico-rituali africani, in leggende e canti afroamericani, e nella stessa biografia di Parker. Momenti e monumenti dell’opera parkeriana vengono così riletti alla luce delle estensioni metaforiche e fonosimboliche di questa utopia che è parte integrante della poetica afroamericana.

Charlie Parker. “Bird” e il mito afroamericano del volo

SALVATORE, Gianfranco
2005-01-01

Abstract

Lo stile di Charlie Parker, il musicista afroamericano fondatore del jazz moderno, viene interpretato in una dimensione antropologica e storico-culturale nella quale intuizioni estetiche, scelte musicali e stilistiche, spunti compositivi e improvvisativi, esperimenti e innovazioni formali risultano collegabili all’utopia del volo umano, quale si riscontra in complessi mitico-rituali africani, in leggende e canti afroamericani, e nella stessa biografia di Parker. Momenti e monumenti dell’opera parkeriana vengono così riletti alla luce delle estensioni metaforiche e fonosimboliche di questa utopia che è parte integrante della poetica afroamericana.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11587/339431
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact