Ironia, iperbole, provocazione. Filippo Tommaso Marinetti cent'anni dopo