Il nomadismo "paziente" del filosofare. Per una cultura dell'inclusione