Domenico Bandini o della continuità del mito