Leonardo Bruni e il primato di Firenze