Su una definizione di integrale proposta da De Giorgi