L'Accademia e il canone: un esempio secentesco