Un bilancio sempre meno civilistico