La formula “per grazia e benevolenza” con cui Giovanni Crisostomo introduce di preferenza la dossologia finale nelle sue orazioni, nella sua apparente banalità deriva dalla particolare idea crisostomiana della condiscendenza divina: la benevo-lenza di Dio verso gli uomini è la causa prima della condiscendenza, la grazia per tutti gli uomini ne è, invece, il fine ultimo.

Chariti kai philanthropia in S. Giovanni Crisostomo

CATALDO, Antonio
2008-01-01

Abstract

La formula “per grazia e benevolenza” con cui Giovanni Crisostomo introduce di preferenza la dossologia finale nelle sue orazioni, nella sua apparente banalità deriva dalla particolare idea crisostomiana della condiscendenza divina: la benevo-lenza di Dio verso gli uomini è la causa prima della condiscendenza, la grazia per tutti gli uomini ne è, invece, il fine ultimo.
9788880867906
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11587/113376
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact