Il saggio avvia compiutamente l'esame delle tecniche e delle fonti visive usate da Tullio nel busto del "Giovane santo", rinviene influenze provenienti dalla scultura classica e rafforza il giudizio che il Lombardo fu lo scultore più versatile e inventivo attivo a Venezia al principio del secolo XVI.

Il busto di Giovane santo di Tullio Lombardo in Santo Stefano a Venezia: un riesame

DAMIANAKI, Chrysa
2007

Abstract

Il saggio avvia compiutamente l'esame delle tecniche e delle fonti visive usate da Tullio nel busto del "Giovane santo", rinviene influenze provenienti dalla scultura classica e rafforza il giudizio che il Lombardo fu lo scultore più versatile e inventivo attivo a Venezia al principio del secolo XVI.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/112807
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact