Il tema dei consorzi industriali pone problemi risalenti e per molti versi tuttora irrisolti, non essendo chiari ruolo e funzioni, nel tempo stratificatisi, di una figura nata in ambito locale, e più precisamente comunale e provinciale, poi assunta e transitata in quello nazionale, infine nuovamente tornata verso i territori, questa volta regionali. Questa ultima opzione sembra confermata dalla riforma del titolo V della Costituzione, in base alla quale la materia “industria” deve considerarsi attribuita alla potestà legislativa esclusiva delle regioni (art. 117, comma 4, Cost.), anche se permane il dubbio dell’ “interferenza” dei consorzi con la materia del “governo del territorio”, di competenza concorrente Stato-regioni (art. 117, comma 3). Le più recenti scelte regionali non sono univoche, spaziando dalla soppressione dei consorzi e contestuale conferimento delle funzioni ai comuni alla loro rivitalizzazione. Resta irrisolta la contraddizione implicita a questa figura, relativa al modo di pensare ai territori, visti come destinatari più che come protagonisti delle politiche di sviluppo, nonostante l’istituzione stessa dei consorzi fosse pensata all’inizio come esponenziale di un’istanza locale, quale modo peculiare della cura di interessi propri delle collettività locali.

I consorzi industriali fra modelli organizzativi e contesti costituzionali

DE GIORGI, Gabriella
2007

Abstract

Il tema dei consorzi industriali pone problemi risalenti e per molti versi tuttora irrisolti, non essendo chiari ruolo e funzioni, nel tempo stratificatisi, di una figura nata in ambito locale, e più precisamente comunale e provinciale, poi assunta e transitata in quello nazionale, infine nuovamente tornata verso i territori, questa volta regionali. Questa ultima opzione sembra confermata dalla riforma del titolo V della Costituzione, in base alla quale la materia “industria” deve considerarsi attribuita alla potestà legislativa esclusiva delle regioni (art. 117, comma 4, Cost.), anche se permane il dubbio dell’ “interferenza” dei consorzi con la materia del “governo del territorio”, di competenza concorrente Stato-regioni (art. 117, comma 3). Le più recenti scelte regionali non sono univoche, spaziando dalla soppressione dei consorzi e contestuale conferimento delle funzioni ai comuni alla loro rivitalizzazione. Resta irrisolta la contraddizione implicita a questa figura, relativa al modo di pensare ai territori, visti come destinatari più che come protagonisti delle politiche di sviluppo, nonostante l’istituzione stessa dei consorzi fosse pensata all’inizio come esponenziale di un’istanza locale, quale modo peculiare della cura di interessi propri delle collettività locali.
9788815118981
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/112708
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact