Sartre. Dal "gioco dell'essere" al lavoro eremenutico