Le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, le strategie innovative di apprendimento, l'accesso a basi di conoscenza distribuite, la rapida obsolescenza delle competenze stanno introducendo forti discontinuità nei processi di formazione del capitale umano. Di fronte alle allettanti e disattese previsioni di crescita dell'e-learning, è necessario interrogarsi sui fattori che ne determinano il successo. In particolare, gli sforzi di ricercatori e manager del settore si orientano sempre più sul fattore collaborativo, identificabile: - nell'impiego di tecnologie Open Source (OS) come piattaforma di base; - nell'utilizzo di sistemi Peer-to-Peer (P2P) per la ricerca di contenuti; - nella creazione di Virtual Learning Community (VLC) per gli aspetti organizzativi dell'apprendimento. Le tecnologie OS rappresentano per antonomasia il mondo che crea valore in modo collaborativo. Grazie al libero accesso al codice sorgente, gli individui collaborano per personalizzare i sistemi di apprendimento online. Analogamente, i sistemi P2P, esempio emblematico di collaborazione tra computer, permettono di ampliare facilmente la rete dei partecipanti offrendo maggiore disponibilità di risorse. Infine le VLC, che rappresentano i nuovi modelli intra- e inter- organizzativi a supporto dell'apprendimento online, permettono ai singoli partecipanti di essere pienamente interattivi. Questi tre elementi, con le loro reciproche interrelazioni, generano il paradigma del "Collaborative Learning" proposto in questo volume e concepito come un modello olistico che integra gli aspetti formativi, organizzativi e tecnologici del processo di apprendimento.

CollaborativE-Learning – Sistemi P2P, Tecnologie Open Source e Virtual Learning Community

ELIA, Gianluca;
2008

Abstract

Le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, le strategie innovative di apprendimento, l'accesso a basi di conoscenza distribuite, la rapida obsolescenza delle competenze stanno introducendo forti discontinuità nei processi di formazione del capitale umano. Di fronte alle allettanti e disattese previsioni di crescita dell'e-learning, è necessario interrogarsi sui fattori che ne determinano il successo. In particolare, gli sforzi di ricercatori e manager del settore si orientano sempre più sul fattore collaborativo, identificabile: - nell'impiego di tecnologie Open Source (OS) come piattaforma di base; - nell'utilizzo di sistemi Peer-to-Peer (P2P) per la ricerca di contenuti; - nella creazione di Virtual Learning Community (VLC) per gli aspetti organizzativi dell'apprendimento. Le tecnologie OS rappresentano per antonomasia il mondo che crea valore in modo collaborativo. Grazie al libero accesso al codice sorgente, gli individui collaborano per personalizzare i sistemi di apprendimento online. Analogamente, i sistemi P2P, esempio emblematico di collaborazione tra computer, permettono di ampliare facilmente la rete dei partecipanti offrendo maggiore disponibilità di risorse. Infine le VLC, che rappresentano i nuovi modelli intra- e inter- organizzativi a supporto dell'apprendimento online, permettono ai singoli partecipanti di essere pienamente interattivi. Questi tre elementi, con le loro reciproche interrelazioni, generano il paradigma del "Collaborative Learning" proposto in questo volume e concepito come un modello olistico che integra gli aspetti formativi, organizzativi e tecnologici del processo di apprendimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/112307
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact