Il cinema, attraverso le sue specifiche risorse, è titolare di una particolare modalità di espressione dell'esistente che permette ad esso di sottrarsi alla erosione di senso delle consuete strutture segniche, restituendogli una eloquenza rispetto all'essere in grado di dischiudere nuove prospettive, nuove aperture di senso. Il volume, muovendo dall'analisi di tre film dei registi Chèreau, Almodòvar, Zanussi propone un percorso che se, da un lato, indica nel contenuto filmico il risultato della tradizione filosofica, dall'altro "apre all'innovazione di un domandare qui ed ora, poiché la questione del senso urge e sollecita che prendiamo posizione" (dalla prefazione di Daniella Iannotta)

Proiezioni di senso. Sentieri tra cinema e filosofia

SCARAFILE, Giovanni
2003

Abstract

Il cinema, attraverso le sue specifiche risorse, è titolare di una particolare modalità di espressione dell'esistente che permette ad esso di sottrarsi alla erosione di senso delle consuete strutture segniche, restituendogli una eloquenza rispetto all'essere in grado di dischiudere nuove prospettive, nuove aperture di senso. Il volume, muovendo dall'analisi di tre film dei registi Chèreau, Almodòvar, Zanussi propone un percorso che se, da un lato, indica nel contenuto filmico il risultato della tradizione filosofica, dall'altro "apre all'innovazione di un domandare qui ed ora, poiché la questione del senso urge e sollecita che prendiamo posizione" (dalla prefazione di Daniella Iannotta)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/112179
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact