7. Il parlante e l’infinito. Modalità epistemica e deontica nel Mezzogiorno fra dialetto e italiano