La minuziosa ricostruzione del conclave del 1484 che portò all'elezione di papa Innocenzo VIII consente non soltanto di mettere in luce una pagina poco studiata della vicenda del futuro Alessandro VI, ma anche di offrire un quadro interessante per la comprensione della realtà del cardinalato rinascimentale (e delle spinte trasformative di cui esso era investito, e che stava appunto trasformando una potente "aristocrazia" curiale, in un corpo di "funzionari" papali, in cui però alcuni grandi cardinali, come appunto fu il caso di Rodrigo Borja, potevano ancora giocare un ruolo centrale).

Il cardinale Rodrigo Borja ed il conclave del 1484

SOMAINI, Francesco
2001

Abstract

La minuziosa ricostruzione del conclave del 1484 che portò all'elezione di papa Innocenzo VIII consente non soltanto di mettere in luce una pagina poco studiata della vicenda del futuro Alessandro VI, ma anche di offrire un quadro interessante per la comprensione della realtà del cardinalato rinascimentale (e delle spinte trasformative di cui esso era investito, e che stava appunto trasformando una potente "aristocrazia" curiale, in un corpo di "funzionari" papali, in cui però alcuni grandi cardinali, come appunto fu il caso di Rodrigo Borja, potevano ancora giocare un ruolo centrale).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/112124
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact