I limiti di arte e natura. Di "Purg." X e di altri luoghi danteschi