L'infelicità e motivi affini nell'elaborazione dell'"Ortis"