"Tuttu ete nienzi". Tra filosofia popolare e religiosità