Savonarola traduttore di se stesso: il “Triumphus crucis”