G. FERRARI: DALL'ECLETTISMO AL SOCIALISMO