In margine ad una rilettura della produzione di Cervidio Scevola