Il lavoro affronta il tema del significato della regola, enunciata nel I sec. a.C. da Quinto Mucio Scevola, per cui, qualora sia incerta la provenienza dei beni rinvenuti nel patrimonio di una donna, si presume che essi le derivino dal coniuge (defunto). La regola, escogitata per ovviare ad alcuni problemi di successione ereditaria, è stata poi trasposta ed applicata, nel medioevo e nelle codificazioni otto-novecentesche, nel quadro della regolamentazione dei diritti dei creditori verso la massa fallimentare del coniuge fallito.

Suggestioni in tema di “praesumptio Muciana”

LAMBERTI, Francesca
2008

Abstract

Il lavoro affronta il tema del significato della regola, enunciata nel I sec. a.C. da Quinto Mucio Scevola, per cui, qualora sia incerta la provenienza dei beni rinvenuti nel patrimonio di una donna, si presume che essi le derivino dal coniuge (defunto). La regola, escogitata per ovviare ad alcuni problemi di successione ereditaria, è stata poi trasposta ed applicata, nel medioevo e nelle codificazioni otto-novecentesche, nel quadro della regolamentazione dei diritti dei creditori verso la massa fallimentare del coniuge fallito.
9788876070501
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/110675
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact