UN IRREGOLARE: GAETANO SALVEMINI