Contraddizione e paradosso. Ricordando Alessandro Baratta