Michele Saponaro e Emilio Cecchi (con lettere inedite)