Il periodo storico compreso tra il 1922 e il 1943, ha rappresentato un momento importante nella storia della politica scolastica, oltre che per la presenza di importanti figure, quali Gemelli, Bottai, Sturzo e lo stesso Mussolini, anche per il fiorire di riviste, associazioni ed enti, che hanno svolto un ruolo decisivo nella formazione giovanile e nella ricerca del consenso popolare. Le riviste, in particolare, testimoniano l’esistenza di rapporti molto stretti tra il Regime e buona parte della cultura del tempo. La rilettura critica della rivista “Scuola e cultura. Annali della istruzione media”, a partire dal XIV anno dalla sua fondazione, si propone di ricostruire l’impianto ideologico-culturale della Riforma di Bottai, estrapolandone i nuclei tematici fondamentali: il rapporto scuola-famiglia-alunno; la formazione integrale della personalità; la formazione dell’insegnante; il rapporto esistente tra educazione, scuola e vita; l’orientamento e la didattica. Obiettivo precipuo è stato quello di compiere un rapido excursus degli aspetti educativi e didattici della cultura fascista, per come emerge dalla “voce degli addetti ai lavori” di un’importante rivista del tempo, approvata dal Ministero dell’Educazione Nazionale e dotata di una spiccata capacità comunicativa e propagandistica, emblematica di come il Regime in primis puntasse ad un controllo “totale” sull’informazione, sulla cultura nazionale in generale e le strategie educative e didattiche in particolare.

EDUCAZIONE,CULTURA E DIDATTICA FASCISTA.UNA RILETTURA DI "SCUOLA E CULTURA"

ARMENISE, Gabriella
2006

Abstract

Il periodo storico compreso tra il 1922 e il 1943, ha rappresentato un momento importante nella storia della politica scolastica, oltre che per la presenza di importanti figure, quali Gemelli, Bottai, Sturzo e lo stesso Mussolini, anche per il fiorire di riviste, associazioni ed enti, che hanno svolto un ruolo decisivo nella formazione giovanile e nella ricerca del consenso popolare. Le riviste, in particolare, testimoniano l’esistenza di rapporti molto stretti tra il Regime e buona parte della cultura del tempo. La rilettura critica della rivista “Scuola e cultura. Annali della istruzione media”, a partire dal XIV anno dalla sua fondazione, si propone di ricostruire l’impianto ideologico-culturale della Riforma di Bottai, estrapolandone i nuclei tematici fondamentali: il rapporto scuola-famiglia-alunno; la formazione integrale della personalità; la formazione dell’insegnante; il rapporto esistente tra educazione, scuola e vita; l’orientamento e la didattica. Obiettivo precipuo è stato quello di compiere un rapido excursus degli aspetti educativi e didattici della cultura fascista, per come emerge dalla “voce degli addetti ai lavori” di un’importante rivista del tempo, approvata dal Ministero dell’Educazione Nazionale e dotata di una spiccata capacità comunicativa e propagandistica, emblematica di come il Regime in primis puntasse ad un controllo “totale” sull’informazione, sulla cultura nazionale in generale e le strategie educative e didattiche in particolare.
8882324613
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/109862
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact