Johannes e Chandos: cenni sulla evenemenzialità della parola tra logos e dabar