La Carta dei diritti tra codificazione sui generis e diritto previgente