Il "governo del territorio" al crocevia tra riparto di competenze e "dominio eminente"